IAML Blog


Abbiamo già parlato in questo blog degli adversarial examples: esempi, spesso immagini, costruiti a tavolino per ingannare reti neurali (o altri modelli di machine learning) già allenati. Un preprint pubblicato a Giugno descrive una possibilità ancora più radicale: costruire degli input in grado di far eseguire ad una rete neurale un compito diverso da quello per cui è stata allenata in origine. Anche se l'esistenza di questi

Continue Reading...


Per chi osserva la rapida crescita dell'intelligenza artificiale, ed in particolar modo del deep learning, la domanda da un milione di euro (letteralmente) è una sola: quali saranno le prossime applicazioni?

Continue Reading...